Val Resia

Val Resia

#

La Val Resia è una valle alpina nella zona nord-orientale dell’Italia.

È circondata da alte montagne: a nord e a est dalla catena del Canin e a sud dalla catena del Monte Musi. L’unico passaggio attraverso la valle è a ovest verso la valle del fiume Fella, vale a dire il Canal del Ferro. Un altro percorso conduce dalla valle lungo un sentiero stretto e tortuoso attraverso il passo di Sella Carnizza in direzione di Uccea.

Il suo territorio fa parte dell’omonimo Comune nella provincia di Udine. La Val Resia confina a est con i comuni sloveni di Caporetto e Plezzo. Dista cca. 90 km da Trieste e 35 km da Udine. Secondo i dati del 2004, nella Val Resia risiedono 1244 abitanti. La valle si estende su una superficie di 119 km².

I resiani sono gli abitanti autoctoni di etnia slava originari dell’area orientale delle Alpi, che a seguito della loro posizione geografica e del contestuale isolamento dal resto della Slovenia hanno sviluppato una propria lingua e cultura. Vista la scarsità di terreni coltivabili a valle, i resiani hanno da sempre cercato la fortuna all’estero, quasi in tutta Europa, soprattutto come venditori ambulanti e più tardi come commercianti di frutta e verdura. I resiani erano famosi anche come arrotini con i laboratori trasportati sulle biciclette nei quali affilavano i coltelli e le forbici oppure riparavano le pentole e gli ombrelli. Anche le donne, che solitamente si occupavano di allevamento e portavano in spalla grandi cesti con la paglia dai campi di alta quota, spesso si caricavano in schiena i propri prodotti (lavorati a casa durante i lunghi inverni) e li trasportavano lontano per venderli.

Il resiano, che varia da paesino a paesino, è un antico dialetto sloveno che con un po’ di impegno può essere compreso da chiunque parli la lingua slovena. Il primo documento scritto in resiano è un Padre nostro del XVIII secolo, esposto nella chiesa di San Giorgio. Alla fine del XX secolo l’idioma resiano ha finalmente visto nascere il suo primo manuale di ortografia.

Le cerimonie, le canzoni, la musica, i balli e le fiabe resiane sono spontanee e sono state spesso reinterpretate nel XX secolo. Anche le maschere tradizionali del Carnevale resiano sono caratteristiche.

I paesi della valle sono Prato, San Giorgio, Oseacco, Gniva, Lischiazze, Stolvizza, e Coritis in testa alla valle, ma i loro abitanti non ci permangono durante tutto l’anno.

In val Resia con il Museo dell’Arrotino e il Sentiero di Matteo -- SentieriNatura 2017 -- 10

Carnival in Resia

Resia Geo&Geo 30 12 2016

Incantesimi delle terre friulane: Rosajanska Vas -- Val Resia